giovedì 19 aprile 2012

Fuck suffragettes

L'indipendenza femminile, la parità dei sessi, l'emancipazione... si fottano!
Perdonatemi il francesismo ma in questi giorni, grazie anche alle riflessioni di qualche amica, sono giunta alla conclusione che essere DONNA nel senso più antico ed arcaico del termine a noi tutte piace!
Poche scuse, non so cosa avessero in mente le suffragette ma il loro lavoro per quanto mi riguarda è stato un tragico ed epico #fail.
Un uomo che ci versi il vino quando il nostro bicchiere è vuoto, uno che ricordi i nostri fiori preferiti, che ci venga sempre a prendere, che si interessi alla nostra quotidianità... Questo è ciò che realmente sognamo.





So che a molte donne/ragazze forti, ciniche, dal pugno di ferro tutto questo potrà sembrare idiota, banale ed obsoleto ma siete proprio certe di voler continuare su quest'onda dell'indipendenza, dell'autonomia, della libertà?
Io no.
Voglio qualcuno che mi salvi, voglio essere la scema che mangia la mela avvelenata, la bionda che si punge con un fuso, la figlia del sultano che aspetta l'amore rinchiusa nel suo palazzo.



Diciamolo, il figo che si fa desiderare PIACE, non starò qui a sentenziare che "bastardoèbello", NO, questo lo sapete già!
Sono qui piuttosto per dimostrare che l'educazione, l'eleganza, la gentilezza, la delicatezza, l'affabilità, la cavalleria non sono morte, esistono, continuano a vivere solamente per il dato di fatto che siano le donne stesse a desiderarle.
Le favole sono belle, ci aiutano a crescere speranzose e romantiche ma non potranno mai superare l'illusione languida e patetica che Sex and The City ha offerto a tutte noi nel corso degli ultimi 10 anni.
Aidan era alto, bello e protettivo eppure Mr. Big ha sempre vinto, 6 stagioni e 2 Film, tante storie, tanti eventi, tanti scenari dai quali Big è sempre uscito vincitore.
Carrie ha un bel lavoro, delle amiche molto sveglie e tante ma tante scarpe, non è di certo una Raperonzolo chiusa nella torre o una Sirenetta senza voce, eppure nessuna suffragetta sarebbe stata fiera di lei.






4 commenti:

  1. io credo che le suffraggette sarebebro state più che fiere di una donna che lavora e sa essere indipendente...i sentimenti sono una cosa, idiritti civili un'altra, non confondiamo le cose.
    io lotto per la parità dei diritti, ci sono disuguaglianze tra uomini e donne che neanche ti immagini, e ricevere un mazzo di fiori non significa essere inferiori, deboli o sentimentali. anche io apro la porta al mio ragazzo, gli regalo un fiore se mi va e lui fa altrettanto con me.
    io sono orgogliosa di essere donna, voglio un lavoro e una carriera che mi soddisfino, e un giorno allo stesso modo sarò una madre forte e sicura di sè, meglio se con un uomo che mi ami e mi supporti come io farò con lui, allo stesso identico modo. uomini o donne che si sia, l'importante è essere indipendenti e fidati che le suffraggette hanno lottato anche per te...ricordati che in italia le donne votano da poco più di 60 anni...queste cose sono ben più importanti di un mazzo di fiori o di un conto pagato!!

    p.s. poi considera che io sono romantica e sentimentale, però le favole della principessa che deve essere salvata le ho sempre odiate ;)

    Federica

    RispondiElimina
  2. credevo fosse chiara l'impronta ironica del post

    RispondiElimina
  3. Ironia o meno è giusto che la donna torni ad essere donna, nel senso più nobile e bello del termine!
    Basta scimmiottare i maschietti...riprendetevi la vostra femminilità!

    RispondiElimina
  4. Vincenzo...... torna nelle caverne ;)

    RispondiElimina